BALDESAR CASTIGLIONE, DAL CIELO ALLA TERRA

Ne "Il libro del cortegiano", Baldasar Castiglione inscena un dialogo alla maniera platonica, in cui il petrarchista Pietro Bembo Ŕ depositario di una concezione metafisica ormai totalmente incompatibile con la ModernitÓ, che dal cielo si Ŕ convertita alla terra.

"Avendo il Bembo insin qui parlato con tanta veemenzia, che quasi pareva astratto e fuor di sÚ, stavasi cheto e immobile, tenendo gli occhi verso il cielo, come stupido; quando la signora Emilia, la quale insieme con gli altri era stata sempre attentissima ascoltando il ragionamento, lo prese per la falda della robba e scuotendolo un poco disse: - Guardate, messer Pietro, che con questi pensieri a voi ancora non si separi l'anima dal corpo. - Signora, - rispose messer Pietro, - non saria questo il primo miraculo, che amor abbia in me operato -. Allora la signora Duchessa e tutti gli altri cominciarono di novo a far instanzia al Bembo che seguitasse il ragionamento, e ad ognuno parea quasi sentirsi nell'animo una certa scintilla di quell'amor divino che lo stimulasse, e tutti desideravano d'udir pi˙ oltre; ma il Bembo, - Signori, - suggiunse, - io ho detto quello che 'l sacro furor amoroso improvvisamente m'ha dettato; ora che par che pi˙ non m'aspiri, non saprei che dire; e penso che amor non voglia che pi˙ avanti siano scoperti i suoi secreti, nÚ che il cortegiano passi quel grado che ad esso Ŕ piacciuto ch'io gli mostri; e perci˛ non Ŕ forse licito parlar pi˙ di questa materia".

["Il libro del cortegiano", LXXI. Baldasar Castiglione ]