HEIDEGGER, POTENZIALITA' DELL'ESSERE

 

La possibilitÓ come esistenziale non significa un poter-essere indeterminato del genere della "libertÓ indifferente" (libertas indifferentiae). L'Esserci, in quanto emotivamente situato nel suo essere stesso, Ŕ giÓ sempre insediato in determinate possibilitÓ e, in quanto Ŕ quel poter-essere che Ŕ, ne ha giÓ sempre lasciate perdere alcune; rinuncia incessantemente a possibilitÓ del suo essere, riesce a coglierne talune oppure fallisce. Ci˛ significa che l'Esserci Ŕ un esser-possibile consegnato a se stesso, una possibilitÓ gettata da cima a fondo. L'Esserci Ŕ la possibilitÓ di esser libero per il pi¨ proprio poter-essere. L'esser-possibile Ŕ trasparente a se stesso secondo le modalitÓ e gradi diversi.

 

(Heidegger, Essere e tempo)