KIERKEGAARD, LA FEDE AUTENTICA

 

Ci furono uomini grandi per la loro energia, per la saggezza, la speranza o l'amore. Ma Abramo fu il pi˙ grande di tutti: grande per l'energia la cui forza Ŕ debolezza, grande per la saggezza il cui segreto Ŕ follia, grande per la speranza la cui forma Ŕ demenza, grande per l'amore ch'Ŕ odio di se stesso. Fu per fede che Abramo lasci˛ il paese dei suoi padri e fu straniero in terra promessa. Lasci˛ una cosa, la sua ragione terrestre, e un'altra ne prese: la fede. Altrimenti, pensando all'assurditÓ del suo viaggio, non sarebbe partito. Fu per fede uno straniero in terra promessa ove nulla gli ricordava quel che egli amava, mentre la novitÓ di tutte le cose gli poneva in cuore la tentazione d'un doloroso rimpianto ... Fu per fede che Abramo ricevette la promessa che tutte le nazioni della terra sarebbero state benedette nella sua posteritÓ. Il tempo passava, la possibilitÓ rimaneva Abramo credeva. Il tempo pass˛, la speranza divent˛ assurda, Abramo credette. ╚ pure esistito nel mondo colui che ebbe una speranza. Il tempo pass˛, la sera fu al suo declino, e quell'uomo non ebbe la viltÓ di rinnegare la sua speranza... Poi conobbe la tristezza; e il dolore, invece di deluderlo come la vita, fece per lui tutto quel che potÚ e, nella sua dolcezza, gli dette il possesso della sua speranza ingannata. ╚ umano conoscere la tristezza umano condividere la pena di chi Ŕ afflitto, ma Ŕ cosa pi˙ grande credere, e pi˙ confortevole e benefica cosa contemplare chi crede. Abramo non ci ha lasciato lamentazioni. Non ha contato tristemente i giorni man mano che trascorrevano; non ha guardato Sara con occhio inquieto per vedere se gli anni incidevano rughe sul suo volto; non ha fermata la corsa del sole per impedire a Sara di invecchiare, e Sara fu schernita nel paese. Eppure era l'eletto di Dio e l'erede della promessa... Non sarebbe forse stato meglio che egli non fosse stato l'eletto di Dio? Che cosa significa dunque essere l'eletto di Dio? Significa vedersi rifiutare nella primavera della vita quello che Ŕ il desiderio della giovinezza, per essere esaudito in vecchiaia dopo grandi difficoltÓ. Ma Abramo credette e serb˛ fermamente la promessa, cui avrebbe rinunciato se avesse dubitato. Avrebbe detto a Dio, allora: źForse non Ŕ nella tua volontÓ che questo mio desiderio si realizzi. Rinuncio dunque al mio desiderio, all'unico mio desiderio, nel quale riponevo la mia felicitÓ. La mia anima Ŕ onesta, e non nasconde nessun astio segreto per il tuo rifiuto╗. Non sarebbe stato dimenticato. Avrebbe salvato molti col suo esempio ma non sarebbe diventato il padre della fede, perchÚ Ŕ grande cosa rinunciare al proprio desiderio pi˙ caro, ma Ŕ cosa pi˙ grande serbarlo dopo averlo abbandonato. Grande Ŕ cogliere l'eterno, ma Ŕ pi˙ grande cosa riavere il transeunte, dopo averne fatto rinuncia.
(S°ren Kierkegaard, Timore e tremore)