LENIN, SULLA DITTATURA DEL PROLETARIATO

 

Orbene, la dittatura del proletariato, vale a dire l'organizzazione dell'avanguardia degli oppressi in classe dominante per reprimere gli oppressori, non pu˛ limitarsi a un puro e semplice allargamento della democrazia. Insieme a un grandissimo allargamento della democrazia, divenuta per la prima volta una democrazia per i poveri, per il popolo, e non un democrazia per i ricchi, la dittatura del proletariato apporta una serie di restrizioni alla libertÓ degli oppressori, degli sfruttatori, dei capitalisti. Costoro, noi li dobbiamo reprimere, per liberare l'umanitÓ dalla schiavit¨ salariata; si deve spezzare con la forza la loro resistenza, ed Ŕ chiaro che dove c'Ŕ repressione, dove c'Ŕ violenza, non c'Ŕ libertÓ, non c'Ŕ democrazia. Democrazia per l'immensa maggioranza del popolo e repressione con la forza, vale a dire esclusione dalla democrazia, per gli sfruttatori, gli oppressori del popolo: tale Ŕ la trasformazione che subisce la democrazia nella transizione dal capitalismo al comunismo.

 

(Lenin, Stato e Rivoluzione)