NOVALIS, GLI ESITI NEFASTI DELL'ILLUMINISMO

 

L'odio contro la religione si diffuse... su tutti gli oggetti d'entusiasmo: si grid˛ la croce addosso a fantasia e sentimento, a moralitÓ e amore dell'arte, a futuro e passato; si colloc˛ l'uomo nella serie degli esseri naturali, a stento al primo posto, e dell'infinita musica creativa del tutto si fece il battito di un mulino mostruoso, spinto dalla corrente del caso... un mulino in sÚ, senza capomastro e senza mugnaio... Un solo entusiasmo fu lasciato magnanimamente al genere umano... l'entusiasmo per quella sovrana, grandiosa filosofia... E la poesia era cosÝ screditata... Erano continuamente occupati, costoro, a depurare la natura, il globo terrestre, l'anima umana e le scienze dalla poesia, e a far scomparire ogni traccia di sacro. Dio divenne lo spettatore ozioso del grande dramma rappresentato, formato dai dotti... Peccato che la natura rimanesse cosÝ meravigliosa e incomprensibile, cosÝ poetica e infinita, nonostante ogni sforzo per modernizzarla.

 

(Novalis, La CristianitÓ ovvero l'Europa)