Rousseau, L'educazione

Rousseau Ŕ convinto che la societÓ e la cultura abbiano snaturato l'uomo, che nasce fondamentalmente buono. Il compito dell'educazione sarÓ quindi quello di salvaguardare il bambino dagli effetti che possono avere su di lui societÓ e cultura. Il vero maestro non Ŕ colui che insegna qualcosa, ma colui che lascia che il bambino sviluppi liberamente la propria natura.

 

a) I tre maestri (J.-J. Rousseau, Emilio o dell'educazione, I)

 

Noi nasciamo deboli e abbiamo bisogno di forze, nasciamo sprovvisti di tutto e abbiamo bisogno di assistenza, nasciamo stupidi e abbiamo bisogno di giudizio. Tutto ci˛ che non abbiamo alla nascita e di cui abbiamo bisogno da grandi, ci Ŕ dato dall'educazione.

Questa educazione ci viene dalla natura, o dagli uomini, o dalle cose. Lo sviluppo interno delle nostre facoltÓ e dei nostri organi Ŕ l'educazione della natura; l'uso che ci si insegna a farne Ŕ l'educazione degli uomini; l'acquisto di una nostra propria esperienza sugli oggetti che ci colpiscono Ŕ l'educazione delle cose.

Ciascuno di noi Ŕ dunque formato da tre specie di maestri. Il discepolo in cui le loro diverse lezioni si contraddicono, Ŕ male allevato, e non sarÓ mai d'accordo con se stesso: colui nel quale esse concorrono pienamente e tendono agli stessi fini, Ŕ il solo che va verso il suo scopo e vive con coerenza. Ed Ŕ il solo ad essere educato bene.

 

b) Non insegnare oggi quello che puoi insegnare domani (J.-J. Rousseau, Emilio o dell'educazione, II)

 

Che si deve pensare di questa barbara educazione che sacrifica il presente a un avvenire incerto, che sovraccarica il fanciullo di catene di ogni specie e comincia con il renderlo infelice, per preparargli in un lontano futuro non so che presunta felicitÓ, di cui v'Ŕ da temere che non godrÓ giammai? Quand'anche ritenessi teoricamente ragionevole il fine ultimo di questa educazione, come potrei vedere senza sdegno dei poveri sventurati sottoposti a un giogo insopportabile e condannati ai lavori forzati come galeotti, senza alcuna certezza che tante pene debbano essere utili un giorno! L'etÓ della spensieratezza trascorre tra i pianti, i castighi, le minacce, la schiavit˙. Si pretende di tormentare l'infelice per il suo bene e non si vede come, cosÝ facendo, si solleciti la morte, che lo coglierÓ nel bel mezzo di queste tristi esperienze. ChissÓ quanti fanciulli periscono vittime della stravagante saggezza di un padre o di un maestro? Felici di sfuggire alla sua crudeltÓ, il solo profitto che traggono dai mali che ha fatto loro patire Ŕ di morire senza rimpiangere la vita, di cui non hanno conosciuto che i tormenti.

[...]

Maestri premurosi, siate semplici, discreti e prudenti, non affrettatevi mai ad agire se non per impedire che altri agisca; non mi stancher˛ mai di ripeterlo: rimandate a pi˙ tardi, se possibile, una buona istruzione, per paura di impartirne adesso una cattiva. Su questa Terra, di cui la natura avrebbe fatto il primo paradiso dell'uomo, tremate all'idea di far la parte del tentatore con il voler dare alla fanciullezza innocente la conoscenza del bene e del male. [...]

 

c) Il mondo Ŕ un globo di cartone (J.-J. Rousseau, Emilio o dell'educazione, II)

 

Qualunque studio si faccia, senza l'idea delle cose rappresentate, i segni rappresentativi non sono nulla. Tuttavia si limita sempre il fanciullo a questi segni, senza mai potergli far comprendere niente di ci˛ che essi rappresentano. Pensando di insegnargli la descrizione della Terra, non gli si insegna a conoscere che delle carte; gli si insegnano nomi di cittÓ, di paesi, di fiumi, che egli non concepisce esistenti in altro luogo che sulla carta dove gli son mostrati. Mi ricordo di aver visto da qualche parte un testo di geografia che cominciava cosÝ: Cos'Ŕ il mondo? ╚ un globo di cartone. Tale Ŕ precisamente la geografia dei bambini. Scommetto che dopo due anni di sfera e di cosmografia non c'Ŕ un solo bambino di dieci anni che, in base alle regole che gli sono insegnate, sappia portarsi da Parigi a Saint-Denis. Scommetto che non ve n'Ŕ uno che sopra una pianta del giardino di suo padre sia in grado di seguirne le svolte senza smarrirsi.

 

(J.-J. Rousseau, Emilio o dell'educazione, Mondadori, Milano, 1997, pagg. 9; 72; 99; 121)