Smith, La divisione del lavoro

Proponiamo alla lettura il celebre esempio della fabbrica di spilli, con il quale Smith illustra i vantaggi della divisione del lavoro.

 

A. Smith, Ricerca sopra la natura e le cause delle ricchezze delle nazioni

 

Il pi˙ grande miglioramento nelle forze produttive del lavoro, e la pi˙ grande parte dell'abilitÓ, della destrezza e del giudizio con cui ovunque Ŕ diretto o praticato, sembrano essere stati gli effetti della divisione del lavoro medesimo [...].

Prendiamo dunque un esempio della divisione del lavoro in una manifattura di poco momento e che spesso Ŕ citata, quella, cioŔ, dello spillettaio. Un operaio non educato in questa manifattura, che a causa della divisione del lavoro ha fatto uno speciale mestiere, non abituato all'uso delle macchine che vi s'impiegano, ed all'invenzione delle quali la stessa divisione del lavoro ha probabilmente dato occasione, con gli ultimi sforzi di sua industria forse appena farÓ uno spillo in un giorno, e certamente non ne farÓ mica venti. Ma nel modo, con cui ora si esegue tale manifattura non solo Ŕ essa uno speciale mestiere, ma si divide in molti rami, di cui la pi˙ gran parte Ŕ similmente un mestiere speciale: un uomo tira il filo del metallo, un altro dirizza, un terzo lo taglia, un quarto lo appunta, un quinto l'arrota all'estremitÓ ove deve farsi la testa; farne la testa richiede due o tre distinte operazioni, collocarla Ŕ una speciale occupazione, pulire gli spilli ne Ŕ un'altra, ed un'altra ne Ŕ il disporli entro la carta; e in questo l'importante mestiere di fare uno spillo si divide in circa diciotto distinte operazioni, che in alcune fabbriche sono tutte eseguite da distinte mani, benchÚ in altre dallo stesso uomo se ne eseguono due o tre. Ho veduto una piccola fabbrica di questa manifattura, ove dieci uomini solamente erano impiegati, ed ove per˛ ciascuno di loro eseguiva due o tre operazioni. Essi quantunque fossero assai poveri, e perci˛ non usassero molto le macchine necessarie, pure quando a vicenda vi s'impegnavano facevano dodici libbre di spilli in un giorno. Una libbra contiene pi˙ di mille spilli di grandezza media. Quei dieci individui dunque potrebbero insieme fare pi˙ di quarantottomila spilli in un giorno. Ciascuno di loro dunque, facendo una decima parte di quarantottomila spilli, pu˛ essere considerato farne quattromilaottocento in un giorno. Or se essi avessero lavorato separatamente e indipendentemente l'uno dall'altro, e senza che alcuno di loro fosse stato educato ad una speciale operazione, ciascuno di loro non avrebbe potuto compiere venti spilli, e forse neanche uno in un giorno, cioŔ certamente non la duecentoquarantesima parte, e forse neanche la quattromilaottocentesima parte di quel che sono intanto capaci di compiere in conseguenza di una bene accomodata divisione e combinazione delle loro differenti operazioni.

 

(Grande Antologia Filosofica, Marzorati, Milano, 1968, vol. XV, pagg. 821-822)