SCHELLING, LA NATURA E' LA PREISTORIA DELLO SPIRITO

 

I morti e inconsci fenomeni naturali non sono se non dei conati falliti della natura per riflettere sÚ medesima; la cosiddetta natura morta Ŕ soprattutto un'intelligenza immatura; perci˛ nei suoi fenomeni giÓ traluce ancora allo stato inconscio, il carattere intelligente. La natura attinge il suo pi˙ alto fine, che Ŕ quello di divenire interamente obbietto a sÚ medesima con l'ultima e la pi˙ alta riflessione, che non Ŕ altro se non l'uomo, o, pi˙ generalmente, ci˛ che noi chiamiamo ragione; in tal modo per la prima volta si ha il completo ritorno della materia a se stessa, e appare evidente che la natura Ŕ originariamente identica a ci˛ che in noi si rivela come principio intelligente e cosciente.

 

(Schelling, Sistema dell'idealismo trascendentale)