Così sermoneggiò il bardo cosmopolita prima di rimontare ratto sull’attico sontuoso di Nuova York, tra la guardinga scorta e le titillevoli aragoste: “Grazie presidente! Grazie a Lei la Diciotti è a Trapani, con il suo prezioso carico di esseri umani”. Ordunque, i migranti valgono come “prezioso carico”. Non v’è altro da aggiungere.


Citazioni

"Tutte le distanze nel tempo e nello spazio si accorciano. Oggi con l’aeroplano basta una notte di volo per raggiungere la stessa meta che in passato richiedeva settimane e mesi di viaggio. Attraverso la radio oggi si apprende ora per ora, all’istante, ciò di cui un tempo si aveva notizia soltanto dopo anni, se non addirittura mai. La ripresa cinematografica fa vedere adesso a tutti nell’arco di un minuto il germogliare e l’allignare delle piante che rimanevano celati nel corso delle stagioni. Il film mostra i luoghi remoti delle più antiche civiltà come se si trovassero proprio qui nel mezzo dell’odierno traffico stradale, e dà ulteriore prova di ciò che mostra facendoci vedere al tempo stesso la macchina da presa e gli operatori al lavoro. Il culmine dell’eliminazione di qualsiasi distanza è raggiunto dalla televisione, che presto attraverserà e dominerà tutta la rete e la ressa del traffico". (M. Heidegger, "Conferenze di Brema")



(Visualizzazioni 2.890 > oggi 1)

Di admin

3 pensiero su “Ancora lui, il bardo cosmopolita di Nuova York”
  1. … [Trackback]

    […] Find More on that Topic: filosofico.net/diegofusaro/ancora-bardo-cosmopolita-nuova-york/ […]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *