filosofia, sinistra, neolingua

Lasciate che vi spieghi un’altra categoria della neolingua capitalistica:

il massacro dell’élite ai danni della nuova plebe si nobilita come “competitività”.




[post-carousel id=”4776″]

(Visualizzazioni 1.066 > oggi 1)

Di admin

9 pensiero su “Competitività, un’altra categoria della neolingua”
  1. E quando non sei più competitivo…. un bel calcio in culo.
    Però la situazione opposta è il dipendente pubblico assunto per tessera o per voto di scambio o per assistenzialismo e che parassita lo stipendiuccio senza produrre nulla, se non scartoffie su scartoffie inutili.

  2. In Occidente lo Stato è neocorporativo. Pubblico e privato sono spesso un tutt’uno di interessi inestricabili.
    Non è libero mercato. È capitalismo clientelare della politica e dello Stato.
    La polemica contro il libero mercato è un fantoccio polemico per ingannare le nuove plebi.
    Non c’è un libero mercato quando il mezzo di scambio è creato e manipolato da un potere centrale. Quando è la politica a stabilire chi lavora e prospera e chi no. Quando esistono leggi che servono solo a creare ostacoli all’ingresso per conservare lo status quo.
    Ma quale libero mercato!
    Ci sono centinaia di migliaia di regole e regolamenti spesso contraddittori ed incerti e spesso assurdi.
    Lo Stato è il più grande distruttore di ricchezza della Storia.

  3. Fusaro stia lontano dalla massoneria,il paradiso le 3 dimensioni superiori esistono, ma non sono loro ,purtroppo é difficile spiegarlo ,ma tutto doveva succedere ,ma é vicina la loro fine ,i falsi dei saranno sottomessi dalla grande ed unica verità..vedrà
    La realtà purtroppo va al di la della fantasia e il tutto compresi questo universo ed il paradiso hanno le proprie regole,e salvare il piu é dura é proprio un padre,tutti e tutto é amato ,ma “loro”sono ben lontani dall essere i creatori!!!non si faccia ingannare!!!

  4. Gesuiti=illuminati
    Banche =illuminati
    Politici=illuminati
    Giornalisti=illuminati
    Non dica niente di questo ,che l’accoppano davvero ,alieni,dei,demoni sono tutte cose fatte ad arte da esseri appartenenti alle dimensioni più”basse”piu vicine che usano la tecnologia per impressionare,vedra la “nostra”di scienza ,non cada nell’inganno,si é combattuto ad armi dispari,che pendevano dalla parte sbagliata,serviva tempo al compimento…dura da spiegare e non posso,combatta senza farsi accoppare e stia a guardare,budda il paradiso di budda é la verità,gesu era solo piu tecnico,questo a grandi linee

  5. Se vedrà un “barbone”che tenta di parlarle sarò io,puzzero un po ma non mi cacci via ,spero di aver trovato uno sincero

  6. il dicotomico pensiero di chi lavora nel pubblico o nel privato…. se è un dipendente dipende da superiori idee magnereccie che gli concedono uno stipendio per vivere ( questo per entrambi vale al 99%) Però i signori del mondialismo, che vogliono distruggere lo Stato e quanto di sua competenza e responsabilità, distruggono l’unica pietra di paragone che possa permettere anche al privato i tanto decantati “privilegi” che altro non sono che i diritti conquistati nel tempo con lotte e sacrifici. Così come una macchina, quando va male, si prende le colpe di chi doveva fare di tutto per tenerla in buono stato, Dove sta chi, anzichè lavorare perchè chi è impiegato nel Pubblico possa rendere meglio e magari condividere quanto il Privato la riduzione dell’Orario di lavoro, fagocitato invece dai soliti signori del mondialismo che spremono i valori personali e familiari a discapito di robot umanizzati sottopagati e sempre più sfruttati, ingnoranti, deprofessionalizzati, divisi e frustrati in nome di una competitività utile solo alle cime delle piramidi del lavoro? Come dice il buon Diego, una buona scuola, la famiglia nei suoi valori non modificati e spinti in nome della divisione, è la strda che deve portare ad unirci. La cecità su questi valori la dà vinta a chi ci muove come pedine di una partita a scacchi, e il potere a chi vince e i muove come marionette invidiose tra noi…è proprio giusto???

  7. Ovviamente l’esempio del dipendente pubblico parassita non voleva coinvolgere tutta la categoria, ma solo quel dipendente o quella tipologia che è stata assunta in quel modo e si comporta in quel modo.
    Lungi da me le generalizzazioni. Mi sono espresso male e in modo fraintendibile. Mi scuso.

  8. bene. :O)
    avevo forse capito male il pensiero di dna, rispondendo forse – senza acredine e con tanta foga – enormi strafalcioni con le mie idee che trovo corrispondan quasi in toto con quanto esprime Diego. chissà che non si convinca e crei con l’aiuto di chi vuol seguirlo, oltre ad Interesse nazionale, un movimento/partito che si sviluppi partendo da tante sue idee che ci avvicinano, e che apprezzo tantissimo per l’indomabile convinzione delle sue idee, ache posto di fronte agli attuali usurpatori di testate storiche quai Manifesto o Unità, che finiscono di calpestare quel’idea anticapitalista che ebbe la sinistra (fino al 1989? :O) ), che ora ha sposato troppe idee opposte e buiose.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Diego Fusaro