La vicenda del Papeete fa pena, è vero. Peccato, però, che molti dei critici siano gli stessi che si esibiscono baldanzosi ai gay pride tra pailettes, fondoschiena ignudi, parrucconi fucsia, travestimenti improbabili e seni scoperti. Il problema è il turbocapitalismo senza etica.





Citazioni

“Io non voglio fare né il martire né l’eroe. Credo di essere semplicemente un uomo medio, che ha le sue convinzioni profonde, e che non le baratta per niente al mondo”. (A. Gramsci, lettera al fratello Carlo, 12 settembre 1928)







(Visualizzazioni 130 > oggi 1)

Di admin

Un pensiero su “Gli stessi che criticano il Papeete sono quelli dei parrucconi fucsia ai gay pride”
  1. … [Trackback]

    […] Read More Information here to that Topic: filosofico.net/diegofusaro/gli-criticano-papeete-dei-parrucconi-fucsia-ai-gay-pride/ […]

I commenti sono chiusi.