Dissenso adattivo. Identikit del gatekeeper

Sempre più spesso si sente disinvoltamente parlare di gatekeeper: ma a chi corrisponde, in verità, tale figura? Per definizione, il gatekeeper è il “gestore del cancello”, colui il quale finge di incarnare la critica più radicale del sistema di cui è segretamente difensore. Come in una rappresentazione teatrale, il gatekeeper è l’opposizione ideale a sua maestà. Il suo compito è duplice. Egli, per un verso, deve fare apparire permisisvo e tollerante il sistema che gli fa recitare la parte dell’antisistema. E, per un altro, svolge una funzione apotropaica, dacché genera l’illusione che la sua sia la sola critica possibile, nonché la più radicale. Insomma, il gatekeeper lavora per il potere quanto più finge di criticarlo spietatamente: è alfiere di un dissenso adattivo e di una critica conservatrice.

(Visualizzazioni 1 > oggi 1)

Di admin

Diego Fusaro