Il 68 come mito fondativo del capitalismo assoluto: liberazione non dal, ma del capitalismo. Esso si affranca del mondo valoriale borghese, ormai di intralcio per la riproduzione allargata della forma merce. Trionfa la liberalizzazione individualistica dei consumi e dei costumi.

(Visualizzazioni 1 > oggi 1)

Di admin

Diego Fusaro