Sfruttamento crescente, precarizzazione spietata, regresso delle condizioni lavorative, deemancipazione e morti sul lavoro. In altri tempi, ne sarebbero scaturite dieci rivoluzioni russe. Oggi nulla: l’importante è il “concertone”, che poi ha un suono vagamente fantozziano.

(Visualizzazioni 19 > oggi 1)

Di admin

Diego Fusaro