Il ministro Bellanova dice a Otto e Mezzo che le aziende la chiamano perché vogliono porti aperti e flussi migratori. Ovviamente non precisa che vogliono schiavi da sfruttare senza pietà a basso costo e che quella è la vera funzione dei porti aperti appoggiati anche dai fucsia.





Citazioni

“L’uomo che è mosso dall’aspirazione etica è al contempo soggetto e oggetto della propria aspirazione, l’opera in infinito divenire di cui egli stesso è l’artefice. Proprio per questo la forma di vita dell’uomo etico possiede un carattere peculiare. La sua vita ha perduto ogni ingenuità e, pertanto, l’originaria bellezza di una crescita organica naturale – per averne in cambio la più elevata bellezza piena d’animo, quella della lotta etica per la chiarezza, la verità, la giustizia, facendo scaturire la bellezza dai beni autentici dell’uomo, che ne è divenuta la “seconda natura”. (E. Husserl, "L’idea di Europa")







(Visualizzazioni 327 > oggi 1)

Di admin

Un pensiero su “Il ministro Bellanova e i porti aperti voluti dagli sfruttatori senza frontiere”

I commenti sono chiusi.

Diego Fusaro