La domanda, spietatamente ironica, di Brecht in riferimento al dissidio tra popolo e governo nel 1953 (“non sarebbe / più semplice, allora, che il governo / sciogliesse il popolo e / ne eleggesse un altro?” ), trova oggi una risposta positiva nelle pratiche di sostituzione di massa mediante le quali i signori del globalismo liberal-libertario stanno rimpiazzando le popolazioni europee, le masse nazionali-popolari memori dei diritti sociali e delle lotte di classe, con nuove moltitudini deterritorializzate di esseri umani deportati dall’Africa e destinate a figurare come le nuove “risorse”, ossia come i nuovi schiavi “accolti” e “integrati” nell’esercito della produzione capitalistica desalarizzata e con pluslavoro sempre crescente. È quanto espressamente sostenuto, fin dal titolo, dal Rapporto delle “Nazioni Unite” del 17 marzo 2000: New Report on Replacement Migration Issued by UN Population Division.


Citazioni

“Una filosofia procede indubbiamente dalla propria epoca, e se si vuole intendere la lacerazione dell’epoca come immoralità, tale filosofia procede dall’immoralità, ma per restaurare con le proprie forze l’uomo contro la disgregazione dell’epoca e per ristabilire quella totalità che il tempo ha lacerato”. (G.W.F. Hegel, "Differenza tra il sistema filosofico fichtiano e schellinghiano")



(Visualizzazioni 1.019 > oggi 1)

Di admin

2 pensiero su “I mondialisti vogliono sostituire i popoli europei”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *