Dietro al vecchio capitalismo produttivo, v’era la cultura borghese di Goethe e di Croce, di Mozart e di Beethoven: dietro al nuovo capitalismo speculativo, vi è il nulla della finanza e della crescita nichilistica del valore fine a se stesso.

(Visualizzazioni 9 > oggi 1)

Di admin

Diego Fusaro