È un teorema antico quanto l’antro caliginoso di cui scrive Platone: lo schiavo ideale è quello che non sa di esserlo e che, di più, avendo introiettato la propria cattività scambiandola per la sola realtà possibile (there is no alternative), combatte con solerzia in difesa delle proprie catene.

(Visualizzazioni 15 > oggi 1)

Di admin