Gira in rete la foto di Aldo Moro in spiaggia: composto, olimpico, gravido di dignità. La foto viene contrapposta a quella di Salvini ignudo, baldanzoso e intento a trangugiare una polibibita zuccherina al Papeete, locale ipermondialista della movida della Erasmus generation borderless. Giusta la contrapposizione tra due epoche, quella del capitalismo borghese (Moro) e quella del turbocapitalismo postborghese (Salvini). È la stessa contrapposizione che trovate, ad esempio, tra un Togliatti, composto, dignitoso e serio, e un Renzi in tenuta da startupper o un Luxuria in tenuta da gay pride. Il capitalismo borghese, pur con le sue dosi di sfruttamento e di alienazione, era una cosa seria. Il turbocapitalismo postborghese, che ha rinsaldato sfruttamento e alienazione, non è più nemmeno serio. Lascia disgustati e, dove appare soddisfatto di sé, è necessariamente volgare.





Citazioni

“È questo il fondo della gioia d’amore, quando esiste: sentirsi giustificati d’esistere”. (J.-P. Sartre, "L’essere e il nulla")







(Visualizzazioni 791 > oggi 1)

Di admin

Diego Fusaro