Nature
CHI È DIEGO FUSARO?

“Quanto manca alla vetta?”
“Tu sali e non pensarci!”.
(F. Nietzsche)






Diego Fusaro (Torino, 1983) si è diplomato presso il liceo classico Vittorio Alfieri di Torino nel 2002. Laureato in filosofia nel 2007 presso l’Università di Torino con una tesi su Karl Marx, ha conseguito il dottorato in filosofia nel 2011 presso l’Università San Raffaele di Milano con una tesi su Koselleck e la storia dei concetti. Dopo aver svolto un periodo di ricerca in Germania presso l’Università di Bielefeld, è stato ricercatore dal 2011 al 2017 di Storia della Filosofia presso la Facoltà di Filosofia dell’Università San Raffaele. Conseguita nel 2017 l’abilitazione scientifica nazionale come professore associato in storia della filosofia, è passato a insegnare Storia della filosofia presso l’Istituto alti studi strategici e politici (Iassp) di Milano, ove è anche direttore del dipartimento di Filosofia politica. A Torino, si è formato con Gianni Vattimo – sull’ermeneutica, su Nietzsche e su Heidegger – e, soprattutto, con Costanzo Preve – su Marx, Hegel e l’idealismo -, del quale è considerato il principale allievo. È attento studioso della storia del marxismo e dell’idealismo tedesco e italiano, nonché interprete controcorrente del presente. Sempre controvento, si considera allievo indipendente di Hegel e Marx. Concepisce la filosofia come scienza filosofica della verità, atta a comprendere, valutare e trasformare la Totalità. Al di là di destra e sinistra. Ama il mare e la sua città preferita è Genova. Il suo luogo del cuore è Spotorno, in Liguria. Per il mangiare e il bere bene, sceglie il Piemonte. Marchigiano d’adozione (sua moglie è marchigiana e sua figlia è nata nelle Marche), il suo motto è: “quelli che valgono, restano”. Vive tra Milano e le Marche. Nel 2005, ha fondato la collana filosofica “I Cento Talleri”, presso la casa editrice “Il Prato”. È stato segretario delle collane filosofiche Bompiani “Il Pensiero Occidentale” e “Testi a fronte” quando erano dirette da Giovanni Reale. Tra i suoi libri più di successo Bentornato Marx! (Bompiani 2009), Minima mercatalia. Filosofia e capitalismo (Bompiani 2012), Pensare altrimenti (Einaudi 2017), Il nuovo ordine erotico (Rizzoli 2018), Glebalizzazione (Rizzoli 2019), Difendere chi siamo (Rizzoli 2020), Demofobia (Rizzoli 2023). Nel 2000, a soli sedici anni, ha creato “La filosofia e i suoi eroi” (www.filosofico.net).
Diego Fusaro


Citazioni

"Succede che più d'un individuo per tutta la sua vita si porti appresso frottole, idee assurde, stravaganze, idee immaginarie e pregiudizi che arrivano fino a essere idee fisse. Egli, infatti, non ha mai cercato di ricavare da sé solidi concetti dalle intuizioni e dalle esperienze, avendo ricevuto tutto bello e pronto: appunto questo fatto rende un numero infinito di individui così superficiali e insulsi. Invece, fin dall'infanzia bisognerebbe rispettare il cammino naturale della formazione della conoscenza. Nessun concetto dovrebbe essere introdotto, se non attraverso l'intuizione, o almeno non dovrebbe essere accreditato senza di essa. Il bambino avrebbe allora pochi, ma giusti ed esaurienti concetti". (A. Schopenhauer, "Parerga e paralipomena")
(Visualizzazioni 2.917 > oggi 6)