Sarebbe interessante chiedere a Carola Rackete, la “capitana” della Sea Watch, donde nasca in lei questa passione per le sventure lontane, al cospetto delle tante sventure vicine. Come diceva Rousseau, amare l’umanità è spesso l’alibi per non curarsi del proprio vicino di casa.


Citazioni

“Se noi invece pensiamo che l’oggetto del conoscere non è se non il soggetto stesso che si oggettiva guardandosi in seno, nell’atto stesso del conoscersi; che insomma la realtà è appunto il soggetto nell’atto del suo sviluppo, via via sempre nuovo, appunto perché reale nello sviluppo; è chiaro che il concetto del conoscere coincide esattamente col concetto di un’attività relativa a una realtà non presupposta, ma creata dall’attività stessa, ossia per l’appunto col concetto dell’agire”. (G. Gentile, "Sommario di pedagogia")







(Visualizzazioni 39.246 > oggi 1)

Di admin

Un pensiero su “Vi svelo la sconvolgente verità sulla “capitana” della Sea Watch”

I commenti sono chiusi.