In ambito etico, l’illimitatezza del capitale si dispone come violazione di ogni inviolabile: la libertà come trasgressione, come abbattimento di ogni limite in nome del “sempre oltre”. La libertà come capriccio individualistico per il soggetto abitato dalla volontà di potenza.

(Visualizzazioni 12 > oggi 1)

Di admin

Diego Fusaro