Anche l’ovvio vuole la sua parte: sul piano geopolitico il nemico principale non è Mosca e non è Pechino, poiché è Washington. Quest’ultima rappresenta l’imperialismo della globalizzazione del libero mercato, il volto efferato del mondialismo che tutto e tutti vuole sottomettere.

(Visualizzazioni 19 > oggi 1)

Di admin

Diego Fusaro