“Il letterato non è generalmente al servizio del capitalismo com’era un tempo al servizio della nobiltà o dei re; il suo servizio è indiretto e la sua scelta è dovuta all’influenza di un ambiente borghese di cui egli non ha preso coscienza da un punto di vista sociale”. (Pasolini 1949).

(Visualizzazioni 1 > oggi 1)

Di admin

Diego Fusaro