“Diffidate di quei cosmopoliti che vanno a cercare lontano nei loro libri i doveri che trascurano di svolgere nel loro ambiente. Come quel filosofo che ama i tartari, per essere dispensato dall’amare i suoi vicini”.
(J.-J. Rousseau, “Emilio”)


Citazioni

“Nell’imperialismo planetario dell’uomo tecnicamente organizzato, il soggettivismo dell’uomo raggiunge la sua vetta più alta, e da qui ridiscenderà al piano della uniformità organizzata e vi si instaurerà. Questa uniformità diviene lo strumento più sicuro del dominio completo – cioè tecnico – sulla terra. La libertà moderna della soggettività sorge completamente entro l’oggettività che le corrisponde”. (M. Heidegger, Sentieri interrotti)







(Visualizzazioni 557 > oggi 1)

Di admin

5 pensiero su “Gian-Giacomo Rousseau rampogna a dovere i cosmopoliti”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Diego Fusaro