Nature

VUOI COLLABORARE?

VUOI COLLABORARE

La vita e i sogni sono fogli di uno stesso libro. Leggerli in ordine è vivere, sfogliarli a caso è sognare. (Schopenhauer)

Se vuoi collaborare anche tu e dare il tuo contributo a questo sito, non devi far altro che farti avanti.
Potresti occuparti della recensione di opere filosofiche, della stesura di saggi introduttivi, dell’arricchimento dell’antologia e di altre sezioni. Insomma, di lavoro da fare ce n’è ad abundantiam! Soprattutto, potresti occuparti della trattazione di un filosofo non ancora presente sul sito (l’elenco di quelli già presenti lo trovi qui). Le collaborazioni sono sempre ben accette. Manda una email in cui richiedi di collaborare, e sarai contattato al più presto. Ricordati di specificare l’ambito, l’autore e l’argomento di cui vorresti occuparti. Naturalmente, il materiale che invierai sarà pubblicato a tuo nome (salvo controindicazioni da parte tua).


La ricerca della verità sotto un certo aspetto è difficile, mentre sotto un altro è facile. Una prova di ciò sta nel fatto che è impossibile ad un uomo cogliere in modo adeguato la verità, e che è altrettanto impossibile non coglierla del tutto: infatti, se ciascuno può dire qualcosa intorno alla realtà, e se, singolarmente preso, questo contributo aggiunge poco o nulla alla conoscenza della verità, tuttavia, dall’unione di tutti i singoli contributi deriva un risultato considerevole. Cosicché se, relativamente alla verità, le cose sembrano stare così come si dice nel proverbio: “chi potrebbe sbagliare una porta?”, allora, per questo aspetto, essa sarà facile; invece, il fatto che si possa raggiungere la verità in generale e non nei particolari mostra la difficoltà di essa. E, fors’anche, poiché vi sono due tipi di difficoltà, la causa della difficoltà della ricerca della verità non sta nelle cose, ma in noi. Infatti, come gli occhi delle nottole si comportano nei confronti della luce del giorno, così anche l’intelligenza che è nella nostra anima si comporta nei confronti delle cose che, per natura loro, sono le più evidenti di tutte. (Aristotele, “Metafisica” II)

Citazioni

"Il concetto di “essere” è indefinibile. Questo carattere venne dedotto dalla sua estrema generalità. E ciò a buon diritto, se definitio fit per genus proximum et differentiam specificam. Difatti l’“essere” non può essere concepito come un ente; enti non additur aliqua natura; non è possibile determinare l’essere mediante l’attribuzione di predicati ontici. Non è possibile definire l’“essere” muovendo da concetti piú alti, né presentarlo muovendo da piú bassi". (M. Heidegger, "Essere e Tempo")
(Visualizzazioni 25 > oggi 1)

Diego Fusaro