Per non dimenticare. Per sottrarre all’oblio. Per rendere giustizia. È il 20 novembre, questa l’intercettazione trasmessa dal TgR Emilia Romagna: “Porca puttana… porca puttana vai da sola a piedi… porca puttana! Scendi! Scendi! Non ti voglio più. Io non ti voglio più”. A urlare, furente, è una donna. Apre con rabbia lo sportello della sua auto e scarica sotto la pioggia battente una bimba impaurita. L’eroina è una signora, più precisamente una delle affidatarie nel caso del presunto sistema degli affidi illeciti in Val d’Enza. La colpa inespiabile della bimba è la seguente: si oppone, si rifiuta di ricordare un abuso che, in verità, non v’è mai stato. La bimba avrebbe subito pressioni psicologiche fortissime, affinché ricordasse e raccontasse abusi in realtà mai subiti da parte dei genitori naturali. Il tutto, per screditare questi ultimi e far sì che venisse loro tolta la bimba. Dio è morto.





Citazioni

“Il sole non potrà oltrepassare i giusti limiti, altrimenti le Erinni, ministre di Dike, lo troveranno”. (Eraclito)







(Visualizzazioni 258 > oggi 1)

Di admin