Tolgono il Natale e instaurano la “giornata del migrante” (sic!): il capitale celebra il nuovo profilo destabilizzato, apolide e precarizzato dell’homo migrans, merce senza diritti votata all’erranza planetaria e alla “libera circolazione”, alla stregua di tutte le altre merci.


Citazioni

"Non ti ho fatto né celeste né terreno, né mortale né immortale, perché di te stesso quasi libero e sovrano artefice ti plasmassi e ti scolpissi nella forma che avresti prescelto. Tu potrai degenerare nelle cose inferiori che sono i bruti; tu potrai, secondo il tuo volere, rigenerarti nelle cose superiori che sono divine". (Pico della Mirandola, "Orazione sulla dignità dell'uomo")




(Visualizzazioni 304 > oggi 1)

Di admin

Un pensiero su “Giornata del migrante il capitale celebra la merce ideale”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *