Questi erano i valori fondativi del comunismo di Gramsci e Togliatti.











(Visualizzazioni 1.234 > oggi 1)

Di admin

3 pensiero su “I veri valori del comunismo”
  1. Il neoliberismo finanziario o turbocapitalismo è nato il 15 agosto 1971, quando, su consiglio del monetarista Friedman, il dollaro è diventato inconvertibile in oro (asset non inflazionabile) e Nixon disse che “oggi siamo tutti keynesiani”, cioè interventisti in economia.
    Ma già prima c’era stata Bretton Woods col prezzo dell’oro fissato d’imperio in dollari.
    Ma tutta la pianificazione monetaria è nata a Dicembre del 1913 con l’istituzione della Fed.
    Non si può sostenere che l’economia vada regolata ancor più di quanto sia manipolata da oltre un secolo a questa parte.
    È la manipolazione arbitraria del prezzo del denaro delegata alla banca centrale la causa di tutte le ingiuste sperequazioni e delle guerre mondiali del secolo scorso. END THE FED!

    Il Suo non è marxismo economico, ma marxismo culturale, Scuola di Francoforte, cioè Hegel calato in Marx e contro lo stesso Marx.

  2. Il politicamente corretto al governo non è altro che stato etico.
    Vogliamo sostituire questo stato etico con un altro stato etico?
    Che sia nazionale o sovranazionale cosa cambia per la libertà, che cmq è recintata dalla oligarchia al potere?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Diego Fusaro